Comunicati

L’Ue limita l’uso dei neonicotinoidi dannosi per le api ma nel marzo 2017 il Consiglio Provinciale bocciava la stessa proposta

Pubblicato il
Il 27 aprile l’UE ha deciso di limitare l'utilizzo all'aperto di tre princìpi attivi neonicotinoidi. Dapprima nel 2013, e in seguito nel febbraio 2018, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) suggeriva tramite uno studio scientifico (leggi qui) il bisogno di proteggere le api, la cui utilità è connessa alla triade “biodiversità, produzione di cibo,…

Apss: il direttore si contraddice da solo?

Pubblicato il
Dopo l'ennesimo figurone rimediato su scala nazionale il dg Bordon trova ampio spazio sui quotidiani locali per cercare di rabbonire i trentini. Riesce però nell'impresa di contraddirsi nel giro di una settimana. Secondo il dg i medici disdegnano i concorsi dell'APSS. Basta una veloce ricerca sul sito aziendale per capire che non è proprio così.…

«La corte del “Re Sole” era la più magnificente: tutti dovevano parlare delle meraviglie…

Pubblicato il
«La corte del "Re sole" era la più magnificente, tutti dovevano parlare delle meraviglie del re, tra musiche e danze». Ecco, il maldestro tentativo del presidente Rossi di farsi la sua lista di social-amici suona, a qualche secolo di distanza, allo stesso modo. Una lista di persone che più o meno consapevolmente avrebbero dovuto fungere…

La fibra ottica a Besagno e il pesce d’aprile del dr. Zorer

Pubblicato il
“Entro quest’estate la fibra ottica entrerà nelle abitazioni della frazione di Besagno”… L’estate era quella del 2014 in base al comunicato stampa della Provincia n. 741 del 1 aprile (leggi qui). Il progetto consisteva nell'utilizzare le infrastrutture già realizzate grazie alla cooperazione tra Trentino Network, SET e Comune di Mori. Forse la data del comunicato…

Centro dialisi Rovereto: un esempio di come lavora l’APSS del dg Bordon?

Pubblicato il
Da sempre, nonostante il dg Bordon finga di non saperlo, frequentiamo le strutture sanitarie per vedere come si lavora. A un anno di distanza siamo tornati a Rovereto per verificare i progressi sul nuovo centro dialisi (costo stimato 1,8 milioni di euro). Ricordiamo che l’assessore Zeni aveva definito il centro attualmente utilizzato “vetusto e inadeguato”.…

Il dr. Bordon ha già preparato le valigie?

Pubblicato il
Poco più di un mese fa, il Direttore Generale Bordon stando alle cronache, presentava una denuncia contro di me, presumo per la vicenda della selezione per medico di urgenza della quale conoscevo in anticipo il nome del vincitore. Senza conoscere evidentemente i dettagli della vicenda non esitava ad accusarmi a mezzo stampa di presentare interrogazioni…

Vitalizi: altro denaro pubblico speso per consulenze sull’interpretazione della legge

Pubblicato il
La vicenda degli anticipi sui vitalizi riserva costantemente sorprese. Dopo il fallimento della riforma del 2012 e il disastro della riforma del 2014, dopo centinaia di migliaia di euro spesi in consulenze di varia natura, ecco a 4 anni di distanza un nuovo incarico per chiarire a chi ha fatto la legge come la stessa…

Rivitalizzare i territori: un imperativo per il M5s

Pubblicato il
Nei territori dell’arco alpino, Trentino compreso, si sta assistendo ad una crescente concentrazione della popolazione e dei servizi nei grandi centri di fondovalle. L’aumento della densità nella aree urbane (come la Valle dell’Adige) sta accelerando la desertificazione nei comuni montani di servizi ed esercizi commerciali che non riescono a sopravvivere in un contesto di rarefazione…

Sait, ovvero come tagliare il ramo su cui si è seduti

Pubblicato il
La vicenda degli esuberi SAIT riserva sorprese costanti. Alla Provincia, in base allo Statuto, spetta la vigilanza sulle cooperative ma, per il momento, non sembra che tale competenza sia stata esercitata nelle forme e nei modi che i lavoratori coinvolti e molti cittadini si attendevano. Facendo conto sui dati raccolti tra i lavoratori e riferiti…

Consiglio regionale: la «pratica» della moltiplicazione degli uffici

Pubblicato il
Recentemente l'Ufficio Ragioneria della Regione è stato organizzato e si prevede di riorganizzarlo (leggi qui) in modo tale da aumentare il numero di collaboratori, a fronte dell'esigenza iniziale di sostituire una sola dipendente in stato quiescenza. Con un'articolata interrogazione presentata in gennaio abbiamo chiesto delucidazioni al presidente Widmann, soprattutto in merito alla paventata creazione ex…