La scuola trentina: quella buona. Il nostro intervento

buona scuola trentina

La scuola trentina si contraddistingue per elementi positivi e negativi. Tra questi ultimi il fatto che da noi non serva recuperare i debiti, le vacanze estive sono garantite, non ci sono ripercussioni nel caso in cui uno studente si comportasse in un modo non serio.

Riprendo uno spunto del professor Quaglioni, ovvero il fatto che “la scuola trentina purtroppo non funge più da mezzo di elevazione sociale”. Ciò trova conferma nei dati della stessa Provincia Autonoma di Trento, o ad esempio nelle ricerche prodotte da Iprase e IRVAPP (Istituto di valutazione delle politiche pubbliche).

Il Movimento 5 Stelle ha l’auspicio di incentivare una prospettiva riparatrice. La scuola trentina ha tanti pregi oggettivi, che vanno rivolti in primis a chi vi lavora con zelo e professionalità.

Gli interventi fondamentali di cui dovremo occuparci saranno:
1) s
burocratizzazione. L’insegnante oggi passa suo malgrado molto tempo a fare altro, trascurando la relazione principale che dovrebbe esserci con lo studente;
2) ricostruire la fiducia nel sistema in chi l’ha persa. Tanti
studenti trentini non si iscrivono all’università perchè delusi da un sistema che non gli offre prospettive;
3) eliminare la continua proiezione al
progetto. Ormai fare lezione è secondario e i docenti sono assillati da innumerevoli e dispersivi progetti.

Guarda il video per approfondire…

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: