Monte Bondone: gli anni passano e la situazione peggiora

degasperi maschio tomasi

Lunedì 27 novembre 2017 abbiamo effettuato un sopralluogo sul Monte Bondone con i consiglieri Andrea Maschio e Diego Tomasi.

profilo caserma

All’esito delle passate elezioni, ci eravamo già recati in loco (leggi qui) per verificare come fossero stati spesi i milioni di euro elargiti dalla Provincia per finanziare operazioni immobiliari, attività pubbliche e iniziative private mai decollate.

Cos’altro dirvi? Dopo 4 anni, siamo tornati a monitorare lo stato di sofferenza della montagna di Trento e abbiamo constatato che nulla è cambiato e tutto è peggiorato. Rimangono per noi un mistero le ragioni che spingono i nostri amministratori a non valorizzare la montagna più vicina al centro della Provincia e che Tomasi ironicamente, ma con amore, vuole soprannominare “Monte Bidone”.

Ritenendo oltremodo superfluo spenderci in dettagli e considerazioni aggiuntive, lasciamo la parola alle immagini del 2013 messe a confronto con le attuali.


ALBERGO PANORAMA

sardagna fioriere

Incuria e desolazione, pannelli rotti, quadri elettrici accessibili a chiunque

sardagna quadro e rivestimenti


PALAZZINE EX GIL


CASERME AUSTRO-UNGARICHE

ecco com’erano nel 2013

caserme diroccate 2013

… e come sono oggi, 2017
caserme diroccate

Il bilancio del sopralluogo è quindi disastroso. A distanza di quattro anni vi è stato un peggioramento per ciascuna struttura da noi attenzionata. Il Bondone è il paradigma di questa terra, dove passa il tempo e tutto rimane fermo.

Riteniamo che sia giunto il momento per smettere di considerarlo un lunapark, smettere con la costruzione di condomini e alberghi faraonici con un destino già segnato in partenza.

Si deve puntare su un turismo di qualità: trekking, mountain bike, e-bike, scialpinismo, relax e benessere. Il Monte Bondone sarebbe il luogo ideale, vista anche la vicinanza con il capoluogo ed i suoi 100mila abitanti, per sperimentare l’idea pensata (e bocciata) per il Passo Rolle.


PER APPROFONDIRE…

Leggi l’articolo del 20 ottobre 2013: “Monte Bondone: cronaca di un fallimento annunciato” >>> clicca qui <<<
Leggi l’articolo del 7 dicembre 2013: “Monte Bondone: i fallimenti del pubblico e del privato” >>> clicca qui <<<
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: