Primiero: per la sanità cittadini di serie B?

sanità feltre utenti primiero

Da qualche decennio, la Provincia di Trento riconosce all’Ulss veneta che fa capo a Feltre il riferimento extraregionale per l’assistenza alla popolazione di Primiero. Nell’ultimo rinnovo della convenzione, l’Ulss Dolomiti n.1 si era impegnata ad attuare l’informatizzazione delle cartelle cliniche, dei referti di radiologia, laboratorio di analisi e anatomia patologica prodotti dalla struttura.

Nei fatti, dopo quasi un anno e mezzo dal rinnovo della convenzione, quanto promesso appare una chimera. Ancora oggi i sistemi informatici di Trento e Feltre sono diversi e non dialogano fra loro. Ne consegue che i medici di base del Primiero non hanno la piena disponibilità della refertazione dei propri pazienti. Stesso discorso va fatto per i pazienti di Primiero, i quali non hanno accesso ai propri referti online eseguiti da Feltre.

Si evidenzia inoltre che il sistema informatico feltrino non riconosce i residenti convenzionati del Primiero esenti ai ticket sanitari. Accade con regolarità che i medici specialisti richiedano accertamenti ed esami senza apporre l’esenzione qualora il paziente non presenti il documento che attesta il diritto all’esenzione. Ciò comporta esborsi non dovuti da pazienti esenti, soprattutto anziani.

Il MoVimento 5 Stelle ha presentato un’interrogazione per avere delucidazioni in merito e capire con quali tempistiche sarà colmato il deficit informativo delle prestazioni e cure erogate a Feltre verso gli utenti di Primiero.


DETTAGLI DELL’INIZIATIVA

Segui l’iter dell’interrogazione dal sito della Provincia >>> cliccando qui <<<
Leggi la notizia sul sito ufficiale del Movimento 5 Stelle >>> cliccando qui <<<
Scarica il testo dell’interrogazione n. 5798/XV >>> cliccando qui <<<