Punto nascite di Cavalese: anche stavolta avevamo ragione noi

ospedale cavalese punto nascite zanon

“Magari il consigliere Degasperi ha informazioni che arrivano da chissà quali fonti. Noi invece abbiamo notizie completamente diverse”. Così sentenziava sulla stampa locale di febbraio il presidente della Comunità di valle Giovanni Zanon, sempre pronto a difendere la sua maggioranza. Purtroppo per lui e per le partorienti coinvolte dai disagi, anche stavolta le nostre fonti si sono rivelate più affidabili delle sue.

Il M5s conosceva nei minimi dettagli la situazione del punto nascite di Cavalese e si era premurato di descriverla in un’interrogazione datata 14 marzo (leggi qui). Strano che non la conoscessero anche gli esperti dell’Azienda sanitaria e dell’Assessorato! Probabilmente il dottor Bordon era distratto dalla predisposizione della querela nei confronti del consigliere Degasperi e quindi non si è accorto di cosa stesse accadendo a Cavalese, ovvero delle conseguenze dei mancati investimenti in infrastrutture (semplicemente quelle richieste dal protocollo).

In sordina il Movimento 5 Stelle aveva già fatto sapere ai cittadini delle valli di Fiemme e di Fassa quale sarebbe stato il destino del loro punto nascite, nonostante le rassicurazioni e la difesa d’ufficio dei politici locali e provinciali. Un altro motivo perchè Bordon e la sua compagnia tolgano rapidamente il disturbo.


punto nascite deroga

L’Adige, 13 marzo 2018


punto nascite Cavalese

Trentino, 8 febbraio 2018


DETTAGLI DELL’INIZIATIVA

Leggi la notizia sul sito ufficiale del Movimento 5 Stelle >>> cliccando qui <<<
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: