Rimborso contributi previdenziali. A Folgaria come a Firenze?

folgaria centro storico

Il Comune di Folgaria torna a far discutere per una curiosa situazione in tema di rimborsi a favore di una società per l’assenza di un suo dipendente, il neoeletto sindaco Toller. Nell’agosto del 2009, tre mesi dopo l’elezione avvenuta nel maggio dello stesso anno, il primo cittadino sarebbe passato dal ruolo di amministratore di E.CO 2000 srl a quello di dipendente della stessa società. Risultato? 75.000 euro di rimborsi a carico del Comune per contributi previdenziali e tutta una serie di altre spettanze. Il predecessore si era accontentato di circa 5mila euro e il suo successore ad oggi non raggiungerebbe quota 300 euro.

Un famoso antecedente c’è stato e si chiama Matteo Renzi. L’ex premier era stato assunto dalla società del padre appena una settimana prima della candidatura alla poltrona sicura di presidente della Provincia di Firenze. Anche in questo caso la “tempestiva” assunzione aveva fatto sì che i contributi previdenziali finissero a carico dell’ente pubblico (https://www.ilfattoquotidiano.it/2014/09/21/tiziano-renzi-nella-sua-azienda-tutti-precari-tranne-il-figlio-matteo/1128633/).

La vicenda trentina sembrerebbe analoga a quella fiorentina. Abbiamo quindi presentato un’interrogazione per segnalare la singolarità del caso e richiedere i dovuti approfondimenti.

sindaco Folgaria rimborsiL’articolo pubblicato dal quotidiano Trentino in data 11 novembre 2017


DETTAGLI DELL’INIZIATIVA

Segui l’iter dell’interrogazione dal sito della Provincia >>> cliccando qui <<<
Leggi la notizia sul sito ufficiale del Movimento 5 Stelle >>> cliccando qui <<<
Scarica il testo dell’interrogazione n. 5313/XV >>> cliccando qui <<<
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: