Vigilanza studenti, la Provincia chiarisca le varie responsabilità

ragazzi scuola strada vigilanza

Le dichiarazioni del Ministro all’Istruzione hanno riportato in auge il tema spinoso della responsabilità sulla vigilanza degli studenti minorenni.

Già nel 2015 il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle aveva rilevato e chiesto di interpretare la permanenza di aree grigie in ordine ai confini giuridici dell’obbligo di vigilanza, tuttavia dalla Provincia era arrivata (con una discutibile leggerezza) la conferma che tutto è in ordine.

I recenti fatti ci danno ragione, motivo per cui abbiamo chiesto un nuovo pronunciamento sul perchè la Provincia continui ad assumere una posizione discordante rispetto alle direttive nazionali.

In attesa di ricevere risposte convincenti, non possiamo non rilevare come la situazione sia tutto fuorchè chiara: la Fedeli ammonisce, la dirigente generale del nostro Dipartimento della Conoscenza rassicura, le circolari sostengono una cosa, i dirigenti un’altra ancora.

Oltre agli studenti, sono gli incolpevoli operatori della scuola che rischiano di subire le conseguenze di questa ambiguità che vede versioni e interpretazioni diverse coabitare all’interno delle stesse istituzioni.

Siccome in gioco c’è la sicurezza, auspichiamo un lesto approfondimento a garanzia della serenità di genitori, presidi, insegnanti e operatori scolastici.


DETTAGLI DELL’INIZIATIVA

Segui l’iter dell’interrogazione 5200/XV dal sito della Provincia >>> cliccando qui <<<
Leggi la notizia sul sito ufficiale del Movimento 5 Stelle >>> cliccando qui <<<
Scarica il testo dell’interrogazione n. 5200/XV >>> cliccando qui <<<
Scarica il testo dell’interrogazione n. 2226/XV >>> cliccando qui <<<
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: